Salvo Piparo

Summa di Teatro, Cinema e Tv

Lo scrivente, sin dall’infanzia, uditore dei “Cunti” dei nonni, artigiani e mestieranti nei quartieri di Ballarò  e Capo, mosso da una vorace voglia di riesumare le memorie di famiglia, partecipa nel 2007 ad un laboratorio a cura del puparo Mimmo Cuticchio “La narrazione e la tradizione orale del cunto” presso Volterra in Toscana.

In seguito, interpreterà testi di impegno civile come Francese scritto dal giornalista Felice Cavallaro, nell’Anniversario dei 30 anni dalla morte del giornalista Mario Francese, ucciso dalla mafia a Palermo.

            Nel 2007 Partecipa al Premio Scenario, dove comincia a misurarsi con la scrittura di storie che porterà in scena nei teatri siciliani, calcando il repertorio della tradizione orale, quale: Le storie di Pietro Fudduni, I trionfi di Santa Rosalia, Le Vastasate, Le Gesta dell’Opera dei pupi, William Shakespeare in siciliano, Gli antichi mestieri, Le favole del Mare.

Cominciano varie collaborazioni  al  Festino di Santa Rosalia di Palermo, portando in scena diversi capitoli della storia di Palermo con la tecnica narrativa della metrica greca: il Cunto.

Tra gli spettacoli più significativi: I Racconti di Nottetempo, “Storia d’Italia per bocca del guitto Garibaldi” con Vittorio Sgarbi, presso il Museo della Mafia di Salemi.

Le strofanelle della fame, in C’era e C’era Giuseppe Schiera, recuperate dal drammaturgo Salvo Licata (cronista di cronaca nera al giornale L’ORA) insieme all’attore Pino Caruso. I racconti di satira, Pallonate, scritto e diretto dal duo Ficarra & Picone.

Nel 2012 partecipa alla Settimana della Musica Sacra, in veste di narratore nello spettacolo Mons Regalis (storia del Duomo di Monreale) di S. Leone e L. Lanzara con i SeiOttavi.

Nel 2012 Co-autore e attore dello spettacolo PIAZZA delle VERGOGNE scritto con i giornalisti Felice Cavallaio, Gaetano Savatteri e Filippo D’arpa.

Sempre nel 2012 comincia la collaborazione con il Teatro Stabile Biondo di Palermo, fino ad oggi.

Partecipa come attore nella serie televisiva Squadra Antimafia 4.

Attore protagonista nel film Ore18 in punto regia di Giuseppe Gigliorosso con P. Benassai, L. Franco, G. Perriera, G. Borruso, S. Blandeburgo, che lo porterà ad essere ospite di Gigi Marzullo nella trasmissione di Rai 1: Applausi.

Nel 2013 è attore nel docu-film Il secondo tempo (cortometraggio sul ventennale     delle stragi di Capaci e Via D’amelio) regia di Pier Francesco Li Donni.

Successivamente, interpreta i racconti inediti, del duo Ficarra & Picone con lo spettacolo Pallonate, che porterà in tour in tutta Italia.

Nel 2013 vince il Premio Veneziano come “Racconta-storie dell’anno”.

Partecipa al Docu-film sulla vita di Padre Pino PuglisiBeata Provvidenzain      

onda su Rai 1.

Nel 2014 Con il film Vento di Sicilia con Danny Glover, Michael Madsen, Jhon Savage, Steven Bauer, Luigi Maria Burruano, Mario Pupella, ha un riconoscimento al Festival del Corto Internazionale di Mendicino di Cosenza.

Nel 2015 attore nel film Andiamo a quel paese di Ficarra & Picone, che lo porterà a calcare il Red Carpet del Festival di Roma.

Successivamente, attore protagonista nel docu-film sulla vita del sindacalista Bernardino Verro Per quel soffio di libertà.

Interprete del poeta siciliano Giovanni Meli nel docu-film Verso Meli.

Partecipazione alla trasmissione televisiva Amore Criminalein onda su Rai 3.

Nel 2015 e nel 2016 è in scena in Italia, come co-autore e interprete dello spettacolo satiricoButtanissima Sicilia tratto dal libro di Pietrangelo Buttafuoco, regia di Giuseppe Sottile, contributi al testo  di  Ficarra & Picone.

Nel 2016, in scena nel cartellone del Teatro Biondo di Palermo e al Festival del Teatro Antico di Segesta con lo spettacolo Gesta dell’Orlando Furioso narrate da Brunello, con la Regia di Luigi Maria Burruano e le musiche di Marco Betta.

Nel 2017, in scena al Festival Dionisiache del Teatro Antico di Segesta con lo spettacolo Shakespeare in Brexit, con Costanza Licata e la Regia di Antonio Raffaele Addamo.

Nel 2017, è attore nel cortometraggio Parru pi tia, con Claudio Collovà. Regia di Giuseppe Carleo, nominato Miglior Cortometraggio 2018 “I LOVE GAI” a Venezia il 31 agosto 2018

Nel 2017, in scena nel cartellone del Teatro Biondo di Palermo con lo spettacolo C’era e C’era Giuseppe Schiera di Salvo Licata, con Costanza Licata. Regia di Enrico Stassi.

Nel 2018, in scena al Teatro Biondo di Palermo e al Teatro Musco di Catania con Strabuttanissima Sicilia scritto da Peppino Sottile, Salvo Piparo, Pietrangelo Buttafuoco, contributi al testo di Salvo Licata, con Costanza Licata e Ruggiero Mascellino al pianoforte.

Nel 2018, dirige il Laboratorio di Teatro Sociale presso L’istituto Santa Chiara di Palermo con i ragazzi del quartiere Ballarò.

Nel Settembre 2018, inaugura il portone monumentale del Palazzo Reale di Palermo con lo spettacolo “R” tratto dai canovacci di Salvo Licata, e la drammaturgia di Luigi Maria Burruano.

Nell’ottobre 2018, interpreta il ruolo di se stesso nel film Tutto il giorno davanti di Luciano Manuzzi per la Rai.

Nel dicembre 2018, nella Piazza della Natività di Gerusalemme, come rappresentante della Città di Palermo, interpreta il Cunto del Presepe nella giornata inaugurale sulle manifestazioni sul Natale 2018.

Nel 2019 è autore dell’audio-libro Lo Scordabolario, “il vocabolario delle palore palermitane scordate” di cui porta nei teatri, nelle piazze e nelle scuole in forma di lezione-spettacolo.

Il 2 aprile 2019,  è testimonial della Giornata mondiale della consapevolezza sull’Autismo.

Nell’aprile del 2019, interpreta il Cunto del Cronista Mario Francese a Napoli, presso il Festival del Libro a Castel Sant’Elmo.

L’11 maggio 2019 collabora con il Conservatorio di Musica Alessandro Scarlatti di Palermo, interpretando i testi del Cantautore Francesco Guccini.

Sperimenta la tecnica del Cunto su diverse partiture musicali in presenza di Francesco Guccini, nella manifestazione Il Conservatorio interpreta Guccini.

Nel giugno del 2019, al TRAME Festival di Lamezia, interpreta il Cunto di Alessandro Bozzo, tratto dal libro “L’altro giorno ho fatto 40 anni” di Lucio Luca

Nel luglio del 2019, presso il Teatro di Verdura di Palermo, interpreta Il Trionfo di Rosalia, di Salvo Licata con L’Orchestra Sinfonica Siciliana.

Nell’agosto del 2019, per LE DIONISIACHE al Teatro di Segesta, interpreta

Ulisse Inside, trasposizione dell’Odissea nella guerra di mafia degli anni 80 a Palermo.

Con Costanza Licata, per la Regia di Claudia Puglisi.

Nel Settembre del 2019, per la Rassegna teatrale BIONDACCIO a cura del Teatro Biondo di Palermo, è autore e interprete dello spettacolo Non me l’aspettavo, “Cunto per pupi, attori e Vicariote”, con la Famiglia Pupari Argento e l’attrice Egle Mazzamuto,presso il  Centro Polivalente Sportivo Padre Pino Puglisi nel quartiere  Brancaccio a Palermo.

Nell’ ottobre 2019, porta in scena con la sua Compagnia Il furto del Caravaggio, presso il luogo dove avvenne il furto nel 1969, l’Oratorio di San Lorenzo a Palermo.

Nel novembre 2019, racconta Leonardo Sciascia nel trentennale della sua morte presso la Scuola Leonardo Sciascia allo Zen di Palermo.

Nel novembre 2019, è ideatore è interprete di alcuni Video-Satirici per la trasmissione televisiva Cronache Siciliane prodotta da TGS (Telegiornale di Sicilia)

Nel dicembre 2019, racconta la città di Palermo come un presepe vivente, nel Concerto di Natale “ Il Presepe Raccontato” presso il Teatro Politeama Garibaldi di Palermo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *